Biancomangiare col latte di mandorla

“..dedicato a chi ama le creme”. Così comincia la ricetta originaria, tratta dal libro “Un filo d olio” della nostra conterranea Simonetta Agnello Hornby. Da qui ho tratto l’ispirazione per realizzare questo dolce al cucchiaio dove si utilizza il latte di mandorla al posto del latte vaccino.. e devo dire che il risultato è eccezionale (io prima d’ora non lo avevo mai mangiato!).

Ingredienti:
– un panetto da gr. 150 di pasta di mandorle;
– ml. 750 acqua oligominerale;
– gr. 60 di amido di grano;
– la scorza di un limone grattugiata;
– pistacchi tritati q.b.;
– cannella in polvere (facoltativa).

Spezzettare la pasta di mandorla dentro un pentolino con l’acqua che avremo fatto precedentemente riscaldare (per far sciogliere prima lo zucchero). Mescolare finchè la pasta di mandorla sarà completamente sciolta. Al latte di mandorla ottenuto unire l’amido (facendolo cadere a pioggia da un colino per evitare che si formino grumi) mescolando sempre con una frusta. Appena è completamente assorbito aggiungere la scorza del limone e portare ad ebollizione a fuoco basso. Mescolare fino a quando comincerà ad addensarsi ed a sobbollire. A questo punto spegnere il fuoco e versare in coppette monoporzione completando, se volete, con pistacchi tritati o cannella in polvere. Fate raffreddare  prima di servire..(a me piace anche appena tiepida con i biscotti secchi).

Biancomangiare col latte di mandorla
Biancomangiare col latte di mandorla

Cake Therapy: rimedi naturali allo stress… una ricetta e un contest

Questa voce è stata pubblicata in Dolci, Sapori tipici. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

One Response to Biancomangiare col latte di mandorla

  1. Valy dicono:

    ciao! è un grandissimo piacere conoscerti per un sacco di motivi:
    1. Simonetta Agnello Hornby è una delle mie scrittrici preferite e non vedo l’ora di iniziare l’ultimo libro
    2. il mio compagno dice che se fossi un dolce sarei un biancomangiare di mandorle
    3. ho scoperto questo questo libro grazie ad un libro della Hornby
    che vuoi di più!

Rispondi