Gelo di arance

A chi ama gli agrumi proponiamo questo profumatissimo dessert, la cui preparazione si avvicina molto al gelo di anguria (la cui ricetta è citata nel libro di S. Agnello Hornby “Un filo d’0lio”). La ricetta prevede in alternativa l’utilizzo del succo di limone.. noi abbiamo utilizzato il succo delle arance che per adesso sono anche di stagione!

Ingredienti:

– ml. 500 acqua;
– ml. 250 succo di arance spremute al momento (o ml.100 di succo se lo volete al limone);
– la buccia grattugiata di 3 arance biologiche (o limoni);
– gr. 100 amido di mais;
– gr. 200 zucchero.

Unire all’acqua fredda l’amido, lo zucchero, le scorzette di arancia e metà del succo di arance e mescolare bene. Mettere sul fuoco basso e sempre mescolando portare ad ebollizione. Ai primi bollori unire il resto del succo, abbassare il fuoco e continuare a mescolare per qualche altro minuto finchè la crema non comincerà ad addensarsi. Spegnere e lasciar raffreddare per qualche minuto. Versarle nelle coppette e poi riporre in frigo.

gelo di arance
gelo di arance

Se volete realizzare porzioni più piccoline far raffreddare la crema dentro un contenitore a fondo piano e poi  ritagliate il gelo con le formine dei biscotti o con un coppapasta:

gelo di arance
gelo di arance
gelo di arance
gelo di arance

Con questa ricetta partecipo al contest “Storie intorno a un tavolo…

Contest:

Contest:

Questa voce è stata pubblicata in Dolci, Gluten free, Sapori tipici. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

6 Responses to Gelo di arance

  1. Marta dicono:

    Grazie per aver condiviso questo tuo post!
    Ricetta inserita

    a presto
    Ma.

  2. Not Only Sugar dicono:

    Devo assolutamente provarlo!!!

    Not Only Sugar

  3. Valentina dicono:

    Grazie Giusy per la tua ricetta, l’ho appena inserita!

  4. Valentina dicono:

    cara, non vedo il banner del contest nella sezione dei contest….mi sono ciecata io o c’è?Se non ci fosse l’aggiungeresti? Grazie!

  5. Pingback: Torta “quattro quarti” e pasta di zucchero » Giulia Maria – una vera bontà

  6. Pingback: SAPORI TRA LE RIGHE… un libro, una ricetta | Rosso Lampone

Rispondi